fbpx

Coltivare il cavolo rapa, Agri Italia inizia il trapianto delle piante

Coltivare il cavolo rapa, Agri Italia inizia il trapianto delle piante

Ormai ci siamo, lo staff di Agri Italia si sta preparando al trapianto delle piantine di cavolo rapa dopo la loro semina in Semenzaio (quel periodo tra Maggio e Giugno particolarmente favorevole alla crescita delle verdure).

Nel corso degli anni, questo antico ortaggio ci ha sempre dato grosse soddisfazioni, sia perché molto apprezzato per la sua consistenza croccante, sia perché si tratta di un importante fonte di Vitamina C, anche più della blasonata arancia e del cavolo rosso.

 

Coltivare il cavolo rapa, un po’ di storia

Le virtù di questo prezioso ortaggio sono state studiate in Cina sin dall’antichità, dove ne veniva fatto largo uso all’interno della medicina tradizionale.

Proprio per la sua grande quantità di vitamina C, i medici orientali consigliavano il cavolo rapa durante i periodi di giacenza e durante i momenti di grande sforzo fisico. Esploratori e guerrieri inserivano l’ortaggio nella loro dieta, attribuendo le sue capacità curative al miglioramento della circolazione del “qi”.

Facendo un notevole salto in avanti, all’inizio del duemila un gruppo di studi epidemiologici ha riscontrato come l’assunzione di glicosinolati, contenuti in grandi quantità all’interno del cavolo rapa, sia funzionale alla prevenzioni del cancro.

Questi studi si basano sulla teoria, comprovata nel 2010 attraverso uno studio pubblicato sul Journal Acta Horticulturae da un gruppo di ricercatori olandesi che i glucosinolati possono essere convertiti in isotiocianati, sostanze biologicamente attive che sembrano inibire la proliferazione delle cellule cancerogene e distruggere i carcinogeni.

Coltivare il cavolo rapa, come assicurarsi un ottimo raccolto

Il cavolo rapa, per crescere in maniera ottimale, ha bisogno che vengano rispettate poche ma importanti condizioni:

  • Evitate che il terreno risulti troppo compatto, o la pianta crescerà dura e legnosa.
  • Drenate la terra e impedite il formarsi di ristagni d’acqua che possano provocare la formazione di muffa.
  • La siccità è altrettanto pericolosa, irrigate frequentemente ma con una quantità moderata d’acqua.
  • Rimuovete le erbacce smuovendo frequentemente il terreno, questo garantirà anche una corretta crescita della pianta.

Fatto questo, l’ortaggio sarà perfetto e pronto per essere venduto.

contatti

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *