Scopriamo le diverse tipologie di irrigazione del terreno agricolo

Scopriamo le diverse tipologie di irrigazione del terreno agricolo

Un buon sistema di irrigazione del terreno può sancire la differenza tra un raccolto abbondante ed una stagione persa. Garantire il giusto fabbisogno d’acqua per ogni ortaggio è tutt’altro che semplice: un agricoltore deve tenere conto della temperatura, del grado di crescita della pianta, delle condizioni climatiche e persino delle aree dell’ortaggio che possono entrare a contatto o meno con l’umidità.

Per un’azienda agricola, conoscere le diverse tecniche di irrigazione significa essere indipendente dalle situazioni climatiche (all’infuori delle condizioni più estreme) e garantire un apporto d’acqua ottimale alle sue coltivazioni.

Diamo un’occhiata a queste tecniche di coltivazione del terreno agricolo e scopriamo quali sono le coltivazioni a cui sono destinate.

Le diverse tipologie di irrigazione del terreno agricolo

Dispersione o pioggia

Si tratta di un metodo di irrigazione estremamente diffuso, al punto da essere definito come il “metodo convenzionale”. L’irrigazione a pioggia, come il nome suggerisce, imita un normale rovescio atmosferico e viene destinata alle grandi aree coltivate. Si tratta di una metodologia che non richiede attrezzature particolari ed è solitamente utilizzato per garantire il giusto apporto d’acqua a colture che ben resistono all’umidità ed alle muffe.

Gli svantaggi dell’irrigazione a pioggia risiedono nel grande quantitativo d’acqua utilizzata, che può danneggiare il terreno e creare pericolosi ristagni.

La distribuzione a pioggia è consigliata per le coltivazioni di ravanelli, lattuga e, in generale, verdure che hanno un bisogno costante di un generoso quantitativo d’acqua.

Irrigazione a goccia

Pensata per distribuire l’acqua in maniera mirata, l’irrigazione a goccia viene utilizzata nelle colture che non sopportano l’eccesso di umidità. Si tratta di una metodologia che fa uso di tubi forati dai quali l’acqua gocciola sulle radici della pianta. Tramite l’irrigazione a goccia è possibile controllare la distribuzione dell’acqua in modo capillare, anche nelle aree coltivate più grandi, inoltre riduce al minimo (ma non esclude completamente) il rischio di ristagno. Viene utilizzata per le coltivazioni arboree, frutticole e, più in generale, tutte le produzioni agricole facilmente danneggiate dalla muffa.

Irrigazione sotterranea

Trapianto di anguria, affidati ad Agritalia per il tuo raccolto di cocomero Dumara

La pianta del cocomero beneficia enormemente dell’irrigazione sotterranea, ma bisogna fare attenzione che il terreno sia ben vangato.

Si tratta di una metodologia di distribuzione dell’acqua particolarmente complessa, in quanto utilizza tubazioni semi interrate per innaffiare le radici della pianta. Un errore nella distribuzione delle tubature può causare l’interruzione del flusso d’acqua ed un aumento della pressione all’interno dell’impianto, inoltre si tratta della tecnica di irrigazione più soggetta ai tanto temuti ristagni. L’irrigazione sotterrane permette un apporto d’acqua mirato alle radici interrate della pianta, evitando così che la parte esposta venga a contatto con l’umidità.

contatti

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *