bann2

LATTUGA CAPPUCCINA

TERRENO

Il terreno più adatto a questa coltura è ricco di sostanza organica, umido, leggero e concimato durante il periodo autunno-inverno. La varietà a cappuccio si adatta anche a terreni secchi e non tanto ricchi.

LA SEMINA

Il terreno prima della semina deve essere vangato più volte e lasciato traspirare. Subito prima della semina si deve livellare il terreno.

IRRIGAZIONE E CONCIMAZIONE

Annaffiare nei periodi di forte siccità, tenendo a mente di mantenere costante l’irrigazione e di non saltare nessun innaffiatura poiché porterebbe la pianta ad una fioritura prematura. Per la concimazione della lattuga utilizziamo del letame ben maturo. Nel caso di una carenza del terreno,, somministriamo del potassio, aggiungendo della cenere oppure utilizzando un prodotto specifico.

PROTEZIONE DELLE PIANTE

A volte topi di campagna o talpe possono danneggiare le radici scavando le loro tane. Ci sono poi anche lumache che si nutrono del fogliame, la lattuga infatti è esposta a questo pericolo per tutto il suo ciclo di vita. Mantenere il terreno areato zappando con regolarità tra le file e limitando la comparsa di erbe infestanti. E’ necessario tenere il terreno bagnato nei periodi di maggiore siccità, l’importante se si inizia ad annaffiare è continuare per tutto il periodo della siccità altrimenti la pianta fiorisce anticipatamente.

LOLLO VERDE

TERRENO

Per la coltura del lollo verde è necessario un terreno fertile ben drenato e con una buona dotazione idrica. Importantissima è la presenza di sostanza organica che permette alla pianta di avere la giusta umidità, una ottima disponibilità di elementi nutritivi e una bassa salinità.

LA SEMINA

Il periodo favorevole è in luna crescente perché stimola lo sviluppo della pianta.

IRRIGAZIONE E CONCIMAZIONE

Dopo della semina il terreno necessita di almeno una concimazione a base di azoto dopo circa 10/15 gg. Per un’ottima produzione, una buona concimazione deve comprendere compost organico, fosforo e potassio e concimi minerali.

PROTEZIONE DELLE PIANTE

Le principali malattie che possono colpire il lollo verde, come tutte le altre insalate, riguardano i parassiti del terreno e quelli delle foglie che infettando le radici o il colletto determinano in breve tempo il collasso dell’intera pianta. Contro questi agenti patogeni l’unica possibilità di lotta (al di fuori di quella chimica) è quella preventiva, che si effettua evitando di piantare in terreni infetti o con ristagni idrici. Tra le malattie non parassitarie delle lattughe si possono verificare imbrunimenti dei margini fogliari, che sono dovuti a squilibri idrici o a eccessiva salinità del terreno.