Lattuga lollo verde, l’insalata per eccellenza

Lattuga lollo verde, l’insalata per eccellenza

Quando pensiamo ad un’insalata, la prima immagine che ci viene in mente è un insieme di crudités tra cui spiccano foglie verde brillanti a legare i vari ingredienti.

Queste foglie derivano dalla lattuga, l’ortaggio più famoso e consumato al mondo. Tutti la conoscono, ma in pochi sanno che ne esistono centinaia di varietà, ognuna con il suo sapore e la sua composizione.

In questo momento, i terreni di Agri Italia si stanno preparando per la coltivazione di lollo verde. Una varietà originaria del nord Italia ma diffusa in tutto il territorio nazionale da oltre un decennio.

Vediamo subito perché:

 

Lattuga lollo verde, alle origini del successo

Insieme alla lattuga cappuccina e alla varietà trocadero, la lattuga lollo è tra le più diffuse e apprezzate nel nostro territorio. Presente in due differenti tipologie, rossa e verde, questa lattuga ha un sapore delicato e rinfrescante, perfetta per essere servita come aperitivo o per accompagnare il pasto principale come contorno.

Fuori dalla semplice insalata, questo tipo di lattuga è perfetta nel risotto, nella torta salata e nella guarnizione di piatti di carne e pesce.

Poverissima di grassi ma ricca di vitamine, minerali e oligominerali, è un alimento perfetto per chi segue regimi alimentari salutari o sta cercando di perdere peso.

La sua qualità lassativa e analgesica la rende un perfetto alimento per la terza età, ma gli alti valori nutrizionali la rendono indicata a qualunque stadio della crescita.

 

Lattuga lollo verde, come sceglierla e conservarla

I cespi della lattuga lollo, durante l’acquisto, devono essere sodi e compatti, fate sempre attenzione che le foglie siano di un verde acceso (o di un rosso acceso, nel caso si scelga la varietà lollo rossa) e non siano danneggiate dall’infestazione di insetti o non presentino parti avvizzite.

Una volta in frigorifero, la lattuga lollo si conserva per tre o quattro giorni al massimo, ma bisogna fare attenzione a NON bagnarla e pulirla finché non si è deciso di consumarla, o si corre il rischio di farla marcire.

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *